• Menu
  • Menu

A trip to Italy

Post di Ramon Taliani © Copyright

Fare un viaggio in Italia per incontrare le onde, vivendo e surfando tutti i giorni in Costa Rica, non è il motivo principale per il quale ogni tot di anni torno nel mio paese nativo.

Mi chiamo Ramon ed ho 23 anni. Vivo a Santa Teresa, in Costa Rica, ma sono nato a Roma e sono vissuto lì fino a quando avevo circa 3 anni.

A Roma vivono ancora i miei nonni, per questo appena ho un po di tempo libero e racimolato quel poco che mi serve per partire, torno in Italia a visitare la mia famiglia e i miei amici, e se ho la fortuna di incontrare qualche onda, anche per fare surf!

11422879_823548417700438_1439761105_o 11262867_823548424367104_1841677680_o 11296363_823548451033768_1962653533_o

La prima volta che ho surfato in Italia è stata quando avevo circa 13 anni. Erano 10 anni che non tornavo, e avendo già iniziato a surfare in Costa Rica mi informai se fosse possibile fare surf anche in Italia.

Mi recai quindi in un negozio di surf insieme a mia madre, per avere maggiori informazioni e per comprare una muta, sapendo che in inverno qui l’acqua è decisamente più fredda che nel Pacifico, dove io vivo.

Così per caso ho conosciuto Dado, un mio amico surfista che a quel tempo lavorava come commesso in quel negozio.

E’ lui che mi ha fatto indossare la mia prima muta e “nel verso giusto” ,visto che io non avendola mai usata in Costa Rica, me la misi al contrario!

Ed è sempre lui che mi ha portato a surfare per la prima volta sulle onde italiane, precisamente a Banzai.

Screen-Shot-2015-06-09-at-15.50.56_830 Ramon Taliani 11336042_823548434367103_783881780_o

Banzai è uno dei surf spot più famosi e storici d’Italia, e per questo è anche uno dei più affollati del litorale laziale. Si trova a 30 minuti a nord di Roma, precisamente a S. Marinella.

Le onde, sia destre che sinistre a seconda della mareggiata, rompono su un fondale roccioso e sono molto lunghe e abbastanza potenti, ben surfabili fino a 3 metri.

Lo spot è esposto a tutte le mareggiate, ed è praticabile anche con vento forte. Quando le onde sono piccole è adatto anche a surfisti intermedi, quando invece funziona al meglio è surfabile solo da surfisti esperti.

In Italia ci sono tanti spot dove poter surfare buone onde, soprattutto nella costa Ovest della Sardegna, dove non sono mai stato e mi piacerebbe andare almeno una volta.

Il problema dell’Italia è che qui le mareggiate non sono costanti. Ci sono mesi nei quali può fare solo due giorni di onde e per un surfista questo è davvero frustrante. In ogni caso in tutti i viaggi che ho fatto in Italia ho avuto la fortuna di poter surfare, e i maggior spot che ho visitato sono stati nel Lazio e nella Toscana.

In passato ho anche partecipato a qualche gara nazionale ed è stato molto divertente perché mi ha dato la possibilità di conoscere nuovi surfisi e farmi nuovi amici.

L’ultima volta che sono tornato a Roma è stata circa 3 mesi fa, con la mia ragazza. Era un viaggio di vacanza, per visitare i miei nonni, più che per il surf… ma il giorno dopo che sono arrivato ha fatto un po di onde, così ho colto l’occasione al volo e sono andato a surfare a Banzai con Dado ed Elena.

Screen-Shot-2015-06-09-at-18.54.46_857 Ramon air 11324130_823563704365576_1459292896_o

Il resto della vacanza l’abbiamo passato a fare i turisti in giro per Roma visitando chiese, musei, monumenti storici e forni ahahah! Amo la cucina italiana, soprattutto la carbonara di mia nonna.

Ho anche visitato Firenze e Venezia! L’Italia è piena di storia e cose da vedere, e di onde divertenti, anche se il motivo principale che mi spinge a venire in Italia è sicuramente la mia famiglia.

panteon 11312961_10206247047070639_7101179462619643340_o Venezia

Non c’è una stagione precisa o migliore in cui visitare l’Italia, perché questo paese è sempre bello!

Ma se si vuole unire l’utile al dilettevole, e poter fare anche un po’ di surf, allora i periodi migliori sono l’autunno e la primavera, nei quali le mareggiate sono più consistenti e si possono surfare onde davvero buone che non hanno nulla da invidiare alle onde oceaniche.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *