• Menu
  • Menu

Costa Rica: tra sogno e realtà

Articolo di Fabrizio Cimini

Sono nato in Italia, il “Bel Paese” per eccellenza, dove Cibo, Musica, Arte e Colori predominano su tutto, ma dove “essere” o almeno “provare” ad essere un surfista e’ una sfida ardua e continua.

Sono nato a Roma, dove c’è sempre il sole, il mare, ma sporadiche mareggiate.

Le ho attese speranzoso per tantissimo tempo, mi sono illuso che fossero arrivate buttandomi in acqua con 30 cm di onda, vento, pioggia e gelo… ma essere un “surfista” e’ anche questo.. superare mille difficoltà e avversità per cavalcare “l’onda perfetta”.

E’ stato nell’anno 2003 che ho conosciuto per la prima volta il Costa Rica, amore a prima vista!!! Un abbraccio perenne tra la natura, il cielo e il mare; l’essenza della vita per un surfista.

E’ stato da quel momento che dentro di me qualcosa e’ cambiato. Ho lasciato il lavoro in banca, ho preso un brevetto da bagnino e una patente nautica e con un po’ di paura nel cuore ma con tanto coraggio, entusiasmo ed energia, mi sono trasferito proprio li’, a Mal Pais.
E proprio da Mal Pais siamo partiti io e altri 3 amici per un Surf Trip pazzesco.
Destinazione: Pavones, la seconda sinistra più lunga al mondo!!! Proprio perchè questo è un posto “Magico” non si concede sempre ed e’ cosi’ necessario assicurarsi una pura swell da sud (190°),proprio quella che promettevano le previsioni…2-3 metri di onde per tutta la settimana!!
Affittata una macchina, siamo partiti alle 9.30 am e siamo arrivati a Pavones alle 10.00 pm.
Abbiamo conosciuto Paolo, un Italiano inserito perfettamente nell’ambiente “calmo e tranquillo”di Pavones è proprietario delle “Carols Cabinas”,e proprio lui ci ha fatti alloggiare in una casa particolarissima nel bel mezzo della giungla, senza vetri alle finestre, completamente open space.. wow, non mi era mai capitato di dormire tra una miriade di animaletti!!!!
E’ iniziato cosi’ uno dei momenti più belli di un Surfista, la notte prima dell’alba, dove sdraiato ad occhi chiusi non riesci a dormire per l’eccitazione dello spettacolo che ti attenderà domani!!
Sveglia ore 5.00 am, davanti ai nostri occhi un paesaggio fermo nel tempo, un po’ retro’, immobile.
La sola cosa in movimento? L’oceano.. 2 metri e mezzo lisci, con serie di 3 metri, unica condizione in cui le tre diverse sezioni riescono ad unirsi e a formare quasi 1 km di sinistra!!!
E proprio con queste condizioni eccezionali abbiamo vissuto tre giorni intensi, indimenticabili… abbiamo vissuto tre notti prima dell’alba.
Abbiamo visto il cielo sopra di noi trasformarsi per ben tre volte in una coperta dai colori magici: rosa pallido in alto, arancio al centro, rosso fuoco più in basso. Il tramonto, il momento più bello per un surfista!
Ci siamo persi nel volo di un miliardo di uccelli di ogni specie, di pappagalli verdi, rossi e gialli di ogni
dimensione.
Abbiamo goduto di un pasto caldo, semplice e veloce nell’unica, tipica e caratteristica soda del posto, dove pero’ sono perfino riuscito ad assistere a una Partita della mia “Roma” in diretta! Fantastico!!!
Pavones ci ha salutati così, tra sogno e realtà, dimostrandoci che il mondo e’ pieno di magia, di luoghi stupendi e di onde perfette.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *